Foto osé alle turiste giunte a Roma: arriva la condanna per un 40enne

Un uomo residente nella provincia di Roma è stato condannato per aver scattato delle foto osé alle turiste. La vicenda partì qualche anno fa.

Foto osé con palo per i selfie
Foto osé con palo per i selfie

Sembrava un turista tra i tanti che decidono di visitare la città di Roma ma in realtà era un guardone intento nel fare foto osé. Il bastone per i selfie serviva, non per fare degli autoscatti, bensì, per immortalare il fondoschiena delle tante turiste sparse nelle zone tra Colosseo e piazza Navona. L’uomo tentava di inquadrare sotto le gonne e quando non riusciva si “limitava” nel riprendere i corpi delle .

L’uomo è stato condannato ieri, venerdì 14 giugno, a un anno e quattro mesi di carcere. Il giudice lo ha giudicato con rito abbreviato. Secondo le indagini è emerso che soltanto in un caso si era spinto nel palpeggiamento con annesso filmino. Si tratta di un informatico di 40 anni che risiede nella zona dei Castelli Romani.

Foto osé alle turiste, cosa è emerso dalle indagini

Il caso risale a qualche anno fa quando una donna della Thailandia richiamò l’attenzione per le molestie subite dall’uomo. Il personale di Polizia ritrovò sul telefono dell’uomo 45 filmati registrati nella medesima giornata. Ma i video, in realtà, erano numericamente molti di più (quelli presenti in memoria). L’uomo si fingeva un turista qualunque ma l’obiettivo era tutt’altro.

Il gip ha disposto il divieto di ingresso a Roma con conseguente obbligo di dimora nel centro di residenza. Obbligo di firma da apporre in caserma, inoltre, al rientro a casa ogni sera. La richiesta iniziale era di 4 anni e otto mesi di carcere in quanto sul proprio telefono era presente variegato materiale di chiara matrice pornografica.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.