Corpi carbonizzati ritrovati in auto, un testimone: «È opera dei clan»

Proseguono le indagini per risalire all'identità dei corpi carbonizzati rinvenuti sul litorale romano. Non si conosce, al momento, l'identità delle vittime.

Litiga con la compagna e prova a lanciare una bambina di quattro mesi fuori dal balcone, arrestato
Litiga con la compagna e prova a lanciare una bambina di quattro mesi fuori dal balcone, arrestato

I Carabinieri hanno rinvenuto una vettura a Torvaianica, in provincia di Roma, al cui interno vi erano due corpi carbonizzati. L’automobile era situata in via di San Pancrazio: si tratta di una località presente nella città di Pomezia. In via di San Pancrazio è avvenuto il ritrovamento.

Due corpi carbonizzati rinvenuti sul litorale romano

Sul caso indagano gli inquirenti mentre i Vigili del Fuoco sono giunti sul posto per i rilievi e gli accertamenti del caso. Secondo le prime informazioni le due vittime non sono state al momento identificate. I due erano seduti uno di fianco all’altro. La vettura è stata distrutta dalle fiamme in un terreno incolto. L’automobile, una Ford Fiesta, è stata posta sotto sequestro.

«Alle 8 abbiamo sentito un botto pazzesco – ha dichiarato un residente all’AdnKronos – poi le fiamme. Abbiamo chiamato subito i Vigili del Fuoco perché, con l’erba alta, era facile che scoppiasse un incendio ancora più violento. Non siamo però usciti a controllare, ci siamo fatti gli affari nostri. Nessuno ha gridato, in quella macchina erano già morti. Sono stati i clan mafiosi che lavorano tra Ardea e Torvaianica. Non vuole dire come si chiama, la paura è molta ed è sicuro quando dice che “il rogo è opera dei clan».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.