Unione europea: “Italia riveda ergastolo, viola diritti umani”

L'Unione europea attacca ancora l'Italia, ritenendo che il nostro Paese debba rivedere le leggi che regolino l'ergastolo.

Unione europea sull'ergastolo
Unione europea sull'ergastolo

L’Unione europea attacca ancora l’Italia, ritenendo che il nostro Paese debba rivedere le leggi che regolino l’ergastolo. Infatti, la Corte europea dei diritti umani ritiene che i condannati all’ergastolo nel nostro Paese siano sottoposti a condizioni inumane e degradanti. Esemplare, per l’Unione europea, il caso di Marcello Viola, condannato per associazione mafiosa. Viola è stato anche accusato di aver compiuto parecchi omicidi e rapimenti e si trova in prigione dagli inizi degli anni ’90.

La Corte europea dei diritti umani contesta che chi è condannato al carcere a vita, come Marcello Viola, non possa ottenere, a differenza di quanto accade agli altri carcerati, alcune beneficio. Non può ottenere alcun permesso d’uscita o la riduzione della pena.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.