Maturandi scoprono su Google cosa ha fatto il commissario e lo fanno sostituire

Un gruppo di maturandi, preoccupati per dover affrontare la nuova maturità 2019, ha cercato su Google i nomi dei membri della Commissione d'esame.

Maturandi fanno cacciare commissario d'esame
Maturandi fanno cacciare commissario d'esame

Un gruppo di maturandi, preoccupati per dover affrontare la nuova maturità 2019, ha cercato su Google i nomi dei membri della Commissione d’esame. Qui l’ha scoperta. Il Presidente di commissione ha scritto sui social molti post razzisti. “Anch’io ho incontrato una “risorsa” negro sulla tangenziale ovest di Milano che andava in bicicletta sulla corsia di emergenza contromano. Spero che l’abbiano travolto”.

I maturandi e il commissario

L’autore del post è Carlo Gallarati, ingegnere di Broni e insegnante all’istituto Volta di Pavia. L’uomo, che ora è in pensione, era stato designato come presidente di commissione alla maturità in due classi del liceo scientifico Copernico di Pavia. Gli studenti che avrebbero dovuto affrontare la maturità con lui hanno segnalato tutto al loro preside. Carlo Gallarati è stato dunque sostituito.

Sulla vicenda è intervenuto anche il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti. “Dichiarazioni intollerabili – ha detto -, gravissime e inconciliabili con l’incarico di presidente di commissione alla maturità. Per questo, l’ufficio territoriale del ministero, dopo gli opportuni accertamenti, ha già provveduto a sostituirlo, nominando un nuovo presidente di commissione“.

Dal canto suo Carlo Gallarati si difende: “Su Twitter scrivo come cittadino libero e commento notizie postate da altri. Chi mi conosce, sa che sono un bravo insegnante“.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.