Certosa di Trisulti, revoca della concessione per Bannon: la Digos a caccia di documenti

Certosa di Trisulti, dopo la revoca della concessione a Steve Bannon, la Digos è a caccia di documenti nella redazione di Report

certosa di trisulti
certosa di Trisulti


E adesso sul caso Bannon-Mibac-Trisulti spunta anche un intrigo politico, concretizzatosi nella visita a sorpresa di un funzionario della Digos presso la redazione di Report.

Certosa di Trisulti, la Digos a caccia di documenti

Al centro dell’interesse degli 007 del ministero dell’Interno i documenti con cui un inviato di Report aveva realizzato l’inchiesta su Steve Bannon e la Certosa di Trisulti (in Ciociaria – nda) di un mese fa. La denuncia arriva da Articolo 21 ed è stata ripresa da Repubblica. Secondo quanto riportato “la redazione di Report ha avuto una visita inaspettata: un funzionario Digos si è presentato di buon ora chiedendo di poter entrare nella palazzina della Rai per un mandato di perquisizione ma senza voler spiegare in un primo momento per quale inchiesta o autore”.

Fnsi e Usigrai si sono subito mobilitati, “avvertendo l’amministratore delegato Salini e facendo circolare la notizia su Twitter, all’arrivo dei responsabili della redazione il mandato si è rivelato essere solo mirato all’acquisizione di documentazione su Steve Bannon e la Certosa di Trisulti andata in onda lo scorso 29 aprile”.

L’inchiesta di Report

La trasmissione di Rai Tre aveva infatti puntato la lente sulle “anomalie e le incongruenze nei documenti presentati al Ministero dei Beni Culturali dall’associazione di Steve Bannon e Benjamin Harnwell Dignitatis Humanae Institute, che si era assicurata la concessione della gestione del monastero del 1200, dove aveva dichiarato di voler organizzare una scuola di formazione politica sovranista e anti papa Bergoglio”.

La decisione della revoca della concessione a Bannon

Ma la Digos non ha prelevato alcun documento e ad ogni modo nella condotta degli investigatori sono da subito apparse delle palesi incongruenze. I documenti sono infatti scaricabili sul sito ministeriale e nessuno ha richiesto elementi empirici al giornalista che aveva effettuato l’inchiesta. La sortita della polizia della divisione speciale giunge a valle della decisione del Mibac di avviare la procedura di revoca della concessione al’associazione capeggiata da Bannon a seguito dell’individuazione di paesi irregolarità nell’aggiudicazione del bando già evidenziate dall’Avvocatura dello Stato e coincidenti con le risultanze dell’inchiesta di Report.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.