Lavoratore licenziato per un post su Facebook: arriva il reintegro

Il Tribunale ha deciso per il reintegro del lavoratore licenziato ad Acerra, in provincia di Napoli, a causa di un post pubblicato su Facebook.

Facebook, furto di dai per i dipendenti
Facebook, furto di dai per i dipendenti

Un commento a un post su Facebook di un collega non può essere la scusa per il lavoratore licenziato. Michele Gaglione, ex Rsu della Flai Cgil del vecchio stabilimento “La Doria” di Acerra, in provincia di Napoli, è stato reintegrato. L’uomo, secondo quanto riportato da “Il Messaggero”, sarebbe stato licenziato lo scorso mese di novembre. Il messaggio sui social, ritenuto offensivo dall’azienda, non è conseguenza di un licenziamento. Gaglione, insieme ad altri colleghi, si stava battendo anche per evitare la chiusura dello stabilimento campano.

La storia del lavoratore licenziato

Il giudice del lavoro del Tribunale di Nocera Inferiore, infatti, ha accolto il ricorso presentato dall’uomo. Disposto, di conseguenza, il reintegro dello stesso. «Non possiamo essere che soddisfatti – commentano le segreterie di Cgil Campania, Flai Cgil Campania e Napoli, Cgil Salerno e Flai Cgil Salerno – pur con il rammarico che tutto ciò si sarebbe potuto evitare perseguendo la strada del dialogo che sempre c’è stato tra i vertici aziendali e la nostra organizzazione sindacale». 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.