Uomo assalta pasticceria a Roma: “Basta con questi cornetti, li odio”

Un uomo, 54enne romano incensurato, ha preso d'assalto una pasticceria a Roma. Il motivo di questo folle gesto sarebbe che lui odia i gelati.

Uomo assalta pasticceria
Uomo assalta pasticceria

Un uomo, 54enne romano incensurato, ha preso d’assalto una pasticceria a Roma. Il motivo di questo folle gesto sarebbe che odia i gelati. “State avvelenando i cittadini – diceva nei suoi messaggi denigratori su Facebook -. “Andate a vendere le caciotte”. Ma, nei giorni antecedenti all’assalto, non si era limitato solo alle parole. Aveva anche lanciato verso il negozio mozziconi di sigaretta e pezzi di carta incendiati. Tanti atti persecutori fino ad arrivare, appunto, all’atto finale: l’agguato armato.

Uomo assalta pasticceria a Roma

L’uomo, F.F., da anni ha ingaggiato una vera e propria battaglia con la pasticceria, colpevole, secondo lui, di “inquinare l’aria con i gelati”. Il proprietario dell’attività si è difeso spiegando: “Nel corso del tempo abbiamo installato dei potenti sistemi di aspirazione per ridurre al minimo gli odori“. E ancora: “Nessuno si lamenta, ma questa persona è ossessionata e ormai da tempo siamo vittime delle sue minacce e angherie. Ci ha anche detto che un giorno avrebbe bruciato il negozio”.

Quando l’uomo si è presentato a piazzale Clodio per la convalida dell’arresto ha provato a giustificarsi dicendo che a causa di quella pasticceria non riesce più a vivere. Tuttavia, gli inquirenti hanno evidenziato come sia lui ad aver reso impossibile la vita dei gestori dell’attività. In un’occasione, l’uomo, avrebbe anche scritto una lettera anonima in cui si spacciava per un “gruppo di nazisti risorti”, il tutto per intimorire i titolari e farli chiudere.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.