Bimbo morto a Milano, il padre: “L’ho ucciso perché non riuscivo a dormire”

Un bimbo è stato trovato morto a Milano all'interno di una casa occupata abusivamente. Il padre del piccolo è fuggito ma è stato già ritrovato dalla polizia

Un bimbo di due anni è stato trovato morto a Milano, in zona San Siro. Sul corpicino del piccolo sono state trovate tracce di percosse. La Polizia è stata avvertita dal padre, il quale, dopo una fuga durata poche ore, è stato fermato dalla polizia.

Fermato il padre del bimbo morto in casa a Milano

L’uomo, Aljich Rhustic, 25 anni, avrebbe già confessato di avere ucciso a botte il proprio figlio, in una storia agghiacciante che ricorda quella del bambino ucciso a Cardito. La tragedia si è consumata nell’appartamento di via Ricciarelli a Milano. Sul posto, all’arrivo delle forze dell’ordine, vi era soltanto la madre, poiché l’uomo era scappato non appena dato l’allarme. Rhustic però è stato individuato poche ore dopo la chiamata grazie al suo cellulare. Si trovava in un appartamento in zona Giambellino, non lontano dalla sua abitazione.

La famiglia

I due sono originari della Croazia e hanno 23 anni lei e 25 lui. La ragazza, inoltre, è incinta di cinque mesi. Entrambi hanno precedenti per reati contro il patrimonio. Secondo quanto riportato dall’AdnKronos, l’abitazione era stata occupata abusivamente. Il bambino presentava i piedi fasciati poiché, stando al racconto della madre, si sarebbe tagliato precedentemente con dei cocci. Sul posto è giunto il medico legale che non si è ancora potuto esprimere sulle cause del decesso.

La confessione

I parenti della madre avrebbero raccontato come l’uomo si comportava all’interno della famiglia: “Aliza è un tipo irascibile e violento, ha raccontato Bardo Secic, prozio del sospettato. “La mia famiglia non gli parla da due anni, da quando mi ha aggredito senza motivo colpendomi alla testa con la fibbia della cintura. Ho ancora la cicatrice.”

Intanto, Lorenzo Bucossi, capo della squadra mobile, ha precisato: “Non è stato in grado di spiegare precisamente cosa gli è venuto in mente in quel momento. Non sappiamo se il bambino stesse piangendo, ha solo raccontato che non riusciva a dormire e che aveva assunto hashish. Si è alzato e, in preda a un accesso di rabbia incomprensibile, lo ha picchiato a morte“. 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.