Omicidio in clinica a Caserta: soffoca il compagno di degenza con dell’ovatta

Un uomo ricoverato in una casa di cura privata a Caserta è stato soffocato da un altro degente che gli ha spinto dell'ovatta in gola

Soffocato con ovatta in ospedale
Un uomo ricoverato in una casa di cura privata a Caserta è stato soffocato da un altro degente che gli ha spinto dell'ovatta in gola

Omicidio e giallo in corsia a Caserta, dove il degente di una clinica privata della città è stato soffocato da un uomo che gli ha infilato a forza dell’ovatta in gola mentre dormiva.

L’autore del folle gesto, secondo Caserta news che ha lanciato la notizia, sarebbe già stato fermato dalla Mobile, che sta raccogliendo le sue dichiarazioni. E’ buio pesto, per ora, sul movente. Del fermato si sa che era anch’egli un paziente della struttura sanitaria dove si è consumata, poche ore fa, la tragedia.

La ricostruzione dell’accaduto

Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto che è diventata materia di indagine per la magistratura, i sanitari della struttura in servizio al momento del fatto avrebbero trovato il paziente in agonia e provveduto ad allertare l’Ares 118. L’uomo è stato perciò trasportato in gran fretta al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano. Inutile ogni soccorso però. L’ovatta che gli era stata infilata a forza in gola ha avuto tutto il tempo per provocare la morte dell’uomo, morte orribile per soffocamento graduale ma inesorabile. Nel frattempo gli stessi operatori sanitari della struttura avevano allertato il 113.

Gli agenti hanno ripercorso ogni tappa dell’accaduto e sono riusciti a risalire all’autore del gesto, di fatto all’omicida. L’uomo sarebbe tutt’ora sotto interrogatorio negli uffici della Questura.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.