Settimo Torinese, la denuncia della madre di un contestatore: “Pestato da agenti in borghese”

Contestazioni a Settimo Torinese contro Matteo Salvini, la madre di un 18enne denuncia il pestaggio del figlio da parte di agenti in borghese

Settimo Torinese
Contestazioni a Settimo Torinese contro Matteo Salvini, la madre di un 18enne denuncia il pestaggio del figlio da parte di agenti in borghese

Ha postato sui social un video dove si vedrebbe suo figlio “malmenato e portato via da poliziotti in borghese” in occasione di una contestazione a Matteo Salvini. E’ ancora guerra sulle posizioni e le misure che ormai caratterizzano le parti “calde” degli appuntamenti politici del leader leghista.

Le contestazioni a Salvini

Una madre di Settimo Torinese ha voluto così dare respiro nazionale a quanto accaduto a suo figlio 18enne. Il giovane è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale dopo che il tour piemontese del Vicepremier e Ministro dell’Interno aveva generato il solito codazzo di polemiche legate alle contestazioni indirizzate a lui ed alla sua linea di governo.

La denuncia della madre

Secondo quanto denunciato dalla madre in questione, all’arrivo di una settantina di contestatori sotto il palco che avevano intonato “Bella Ciao”, Salvini li aveva apostrofati come “figli di papà dei centri sociali. Dopo un po’ la polizia aveva provveduto ad allontanare il gruppo ma il 18enne in questione si era opposto alla manovra di interdizione degli agenti  ed era entrato in contatto con alcuni militanti della Lega.

Il video postato

A quel punto gli agenti lo hanno divincolato dalla situazione di “contatto” e, assieme alla fidanzata, lo avevano identificato e foto segnalato. Secondo la madre quelle fasi sarebbero da intendere come una sorta di “pestaggio ingiustificato” ed ha postato su Facebook il video dell’accaduto.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.