Bidognetti assolto, il pentimento del figlio “non basta”

Francesco Bidognetti assolto malgrado il pentimento del figlio che aveva irrobustito con le sue dichiarazioni le accuse a suo carico.

Bidognetti è stato assolto
Bidognetti è stato assolto

Francesco Bidognetti assolto malgrado il pentimento del figlio che aveva irrobustito con le sue dichiarazioni le accuse a suo carico. Il super boss della camorra era accusato di aver continuato a esercitare il suo ruolo di controllo sulle strategie dei Casalesi anche dal carcere, attivandosi nell’interagire con le donne della sua famiglia che venivano a fargli visita, le figlie Serena e Katia.

Bidognetti assolto

Nelle more del processo in cui il Pm Alessandro D’Alessio sosteneva l’accusa contro “Cicciotto e Mezzanotte” il figlio del boss, Raffaele, aveva maturato la convinzione concreta che collaborare con la giustizia fosse più proficuo che opporsi a essa. E come “regalo” di esordio agli inquirenti aveva rilasciato proprio una serie di dichiarazioni all’Antimafia in cui asseverava il ruolo ancora strategico del padre detenuto in regime di 41 bis.

Le due figlie di Bidognetti erano state condannate in primo grado per quegli stessi fatti, e sul capo del padre parevano addensarsi nubi buie proprio in virtù della decisione di Raffaele, che è detenuto per fatti di camorra dal 2006, di “saltare il fosso”.

In alula, poche ore fa, il colpo di scena: le accuse contro Bidognetti non hanno trovato sostanza nella valutazione dei giudici terzi, anche perché le dichiarazioni di suoi figlio sono riferite a fatti antecedenti al 2013, anno da cui l’accusa ha fatto partire la rubricazione dei reati contestati. Il collegio dei giudici Ciampa, Paone e Giordano ha perciò accolto le tesi difensive degli avvocati De Stavola e Filippelli ed hanno assolto il bosso, per il quale la procura aveva chiesto 15 anni.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.