Direttore di una sede di Poste Italiane arrestato: intascati indebitamente 132mila euro

Arrestato per aver preso migliaia di euro approfittando della buona fede dei clienti. L'uomo lavora come direttore di una sede di Poste Italiane.

Direttore Poste Italiane arrestato
Direttore Poste Italiane arrestato (foto di repertorio)

Direttore di una filiale di Poste Italiane che si sarebbe appropriato, indebitamente, del denaro di diversi clienti per un totale di oltre 132mila euro. La Guardia di Finanza di Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di Riccardo Cristiano. Il 41enne è residente un borgo in provincia di Cosenza anche se esercita la propria professione nel Catanzarese (Decollatura).

Direttore Poste Italiane arrestato, la dinamica

Il personale della Gdf sta eseguendo delle perquisizioni ai locali dove l’uomo sta lavorando come direttore. L’aggravante riguarda l’aver approfittato della buona fede dei propri clienti. Secondo l’accusa vi sarebbero delle operazioni finanziarie effettuate sui conti correnti dei clienti.

I casi riscontrati

In un primo episodio l’uomo avrebbe dato vita ad alcuni disinvestimenti. Si tratta, nello specifico, di un processo contrario a un investimento. Esso consiste nella vendita di attività finanziarie, capitale o scorte in possesso di un’azienda. L’uomo, inoltre, avrebbe depositato su una postepay di un cliente una somma pari a 49mila euro. Il denaro, nello specifico, sarebbe stato subito prelevato dall’uomo per non lasciare traccia.

Il secondo caso, invece, riguarderebbe riscatti di polizze per l’investimento con prelievi ai danni di una donna anziana per un importo che supera gli 83mila euro.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.