Mafia, chiesti più di 150 anni di carcere per i boss di Partinico e Borgetto

La Dda di Palermo ha chiesto più di 150 anni per 10 boss dei clan mafiosi di Partinico e Borgetto. Implicato nell'inchiesta anche il giornalista Pino Maniaci

Legittima difesa, la richiesta della Procura di Arezzo su Fredy Pacini

Più di 150 anni di carcere per 10 boss dei clan mafiosi di Partinico e Borgetto. Questa la richiesta della Dda di Palermo a conclusione della requisitoria davanti alla seconda sezione del tribunale di Palermo. La pena maggiore è stata chiesta per il boss Nicolò Salto, e ammonta a 28 anni di carcere.

I 10 imputati sono accusati a vario titolo di danneggiamenti, associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia, aggravate dall’avere favorito Cosa nostra.

Il giornalista Pino Maniaci coinvolto nell’indagine

Nell’indagine è coinvolto anche il giornalista Pino Maniaci, che lavorava per l’emittente televisiva privata Telejato. Maniaci è stato accusato di estorsione, e ora è sotto processo davanti al giudice monocratico, dato che la sua posizione è stata stralciata dall’inchiesta principale. La Procura ritiene che Maniaci abbia preteso denaro e favori, tra cui anche un contratto per la propria compagna, dai sindaci di Borgetto e Partinico. In cambio, Maniaci avrebbe mantenuto un basso profilo nei servizi televisivi sulle attività dell’amministrazione.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.