Concertone del Primo Maggio a Roma: Ilaria Cucchi sul palco ricorda il fratello Stefano

Ilaria Cucchi invitata sul palco del Concertone del Primo maggio ricorda il fratello Stefano, e la piazza le risponde, chiamando il nome del fratello

Concertone del Primo Maggio a Roma. Sul palco, tra gli artisti sale anche Ilaria Cucchi, sorella di Stefano. Sale sul palco e ricorda il giovane, morto dieci anni fa a seguito di un pestaggio in un caserma dei carabinieri.

Ilaria Cucchi sul palco del Concertone

Ilaria Cucchi viene accolta da un coro che si alza dalla platea, dove migliaia di persone sono radunate: “Stefano, Stefano”, gridano. “Stefano non era nessuno e di lui non importava niente a nessuno”, dice Ilaria Cucchi dopo aver sentito il nome del fratello gridato nella piazza, come riferisce Repubblica. “Sentire il suo nome gridato qui in questa piazza significa che la battaglia che abbiamo portato avanti in questi anni non è stata inutile, abbiamo aperto un varco. Forse oggi abbiamo dimostrato che non bisogna mai smettere di crederci, mai smettere di indignarsi, mai cedere al pregiudizio, mai voltarsi dall’altra parte”.

A calmare la piazza che intona cori contro la polizia deve intervenire Ambra Angiolini, che sta conducendo il concertone. E che aggiunge: “In questa storia hanno perso tutti. Ma è una vicenda che umanamente ha fatto succedere qualcosa: c’è un prima e un dopo Ilaria”.

Il ricordo di Federico Aldovrandi

Le fa eco Lodo Guenzi, che insieme a lei conduce la serata, che ha ricordato un altro giovane morto dopo un fermo della polizia nel 2005, Federico Aldovrandi. “Salutiamo con il cuore tutta la gente del Primo Maggio, diamo un abbraccio enorme a chi non si arrende per le ingiustizie”, dicono i genitori di Federico, in un messaggio letto da Lodo Guenzi.


Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.