Maestra delle elementari tiene gli alunni a testa in giù per punizione

Emanuela Romana Olga Farina è una maestra delle elementari che avrebbe sperimentato un nuovo metodo pedagogico: per punizione tiene i bambini a testa in giù.

Maestra elementari teneva bambini a testa in giù
Maestra elementari teneva bambini a testa in giù

Emanuela Romana Olga Farina è una maestra delle elementari che ha sperimentato un nuovo metodo pedagogico da Gestapo: per punizione tiene i bambini a testa in giù. La donna non è nuova sulle pagine dei giornali, e fino a oggi mai in senso positivo. Qualche tempo fa, infatti, era stata accusata di aver strattonato troppo violentemente un bambino, facendolo sbattere violentemente contro un calorifero. In quell’occasione era stata assolta ma adesso deve difendersi dall’accusa di abuso di mezzi di correzione.

Maestra delle elementari tiene gli alunni a testa in giù

La maestra si sarebbe resa protagonista di una serie di gravi persecuzioni nei confronti di pericolosissimi bambini di prima elementare. Avrebbe infatti «afferrato per il collo» un bambino di 6 anni «e dopo averlo disteso su un banco» gli avrebbe «puntato contro una seggiolina». Ma c’è di più: l’insegnante avrebbe anche «afferrato per le caviglie» altri due alunni, «sollevandoli da terra a testa all’ingiù e scuotendoli».

La docente però si difende a spada tratta, intenzionata a dimostrare che a causa dei suoi problemi con la schiena non sarebbe mai stata in grado di sollevare due bambini per le caviglie. Inoltre ha dato una versione diversa anche del racconto del bambino minacciato con la sedia. «Si stava dondolando e alle spalle aveva il termosifone, rischiava di farsi male, così gli ho detto che gli avrei tolto la sedia.»  

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.