Truffa bollo auto, 23 persone denunciate

Dovranno difendersi dall'accusa di sostituzione di persona. La Guardia di Finanza ha scoperto e denunciato 23 persone per la truffa del bollo auto.

'Ndrangheta, operazione contro un clan attivo a Crotone
'Ndrangheta, operazione contro un clan attivo a Crotone (foto repertorio)

Familiari con disabilità deceduti da tempo ma che continuavano a versare la tassa del bollo auto agevolata. Sono ventitré le persone scoperte dalla Guardia di Finanza nella provincia di Napoli. Alcune di esse, per sfruttare una classe di merito maggiormente vantaggiosa, firmavano dei contratti, ma non a loro nome. Infatti, per ottenere i benefici, utilizzavano i dati di persone decedute: l’accusa è sostituzione di persona.

Truffa bollo auto, 23 persone fermate

Rientrano nell’indagine anche degli agenti assicurativi. Le persone intestatarie, dopo le opportune verifiche del caso, risultavano essere tutte disabili e decedute. Le autovetture, in questo caso, beneficiavano del privilegio dell’esonero per il versamento della tassa (il cosiddetto bollo auto). In tale ottica ciò si applicava, in aggiunta, anche alle utilitarie utilizzate per l’accompagnamento del disabile.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.