Strage di Erba, Azouz Marzouk chiede la revisione del caso: “So chi ha ucciso mia moglie e mio figlio”

Azouz Marzouk chiede la revisione del caso della strage di Erba, per la quale sono stati condannati all'ergastolo Olindo Roamno e Rosa Bazzi

Rosa Bazzi in carcere trova l'amore
Rosa Bazzi in carcere trova l'amore

Strage di Erba, Azouz Marzouk, che nella strage ha perso la moglie e il figlio ha firmato un sollecito per la richiesta di revisione del caso. E spiega: ”Adesso so chi ha ucciso mia moglie e mio figlio. E’ una persona che conosco, Rosa e Olindo non c’entrano”. L’uomo sembrerebbe così scagionare i coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi, che per quell’omicidio sono stati condannati nel 2006 all’ergastolo.

L’idea di Marzouk

Azouz Marzouk è stato intervistato da Telelombardia e ha dichiarato: “Sono convinto che esiste un’altra storia. E anche le carte dicono chi è stato. Se leggete le carte si capisce chi è stato. La pista della ‘ndrangheta non c’entra niente, quella è una teoria che loro hanno voluto tirare fuori…”. I veri responsabili della strage di Erba, secondo, Marzouk, sarebbero entrati a processo come testimoni.

“So chi è stato”

Aggiunge poi di aver detto tutto questo all’avvocato. “Parecchie cose non sono state fatte. Per esempio le indagini che dovevano essere fatte con tutti quanti… A tutti quanti. Le intercettazioni… Le telecamere che non ci sono, che non hanno preso, le telecamere che ci sono nelle vie… Dove c’è la banca di Roma e dove c’è l’altra via. Ci sono tutte telecamere lì vicino alla piazza. Non ne hanno neanche tirata fuori una. Tutti questi elementi non vi fanno pensare a nulla? A me confermano la mia tesi… La mia tesi è che so chi è andato… Chi è…”. Infine dice: So chi ha interesse ad ammazzare mio figlio e mia moglie”. Ed è stata una persona che Marzouk dice di conoscere ‘‘sicuramente”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.