Scontro treni tra Andria e Corato, inizia il processo per 18 imputati

Inizia il processo per lo scontro tra due treni avvenuto nel 2016 sul binario unico tra Andria e Corato, nel quale morirono 23 persone e ne rimasero ferite 50

scontro treni
Inizia il processo per lo scontro tra due treni avvenuto nel 2016 sul binario unico tra Andria e Corato, nel quale morirono 23 persone e ne rimasero ferite 50

Comincia oggi davanti alla Corte di Assise del Tribunale di Trani il processo per l’incidente ferroviario del 12 luglio del 2016. Due treni delle Ferrovie Bari-Nord, gestite in concessione dalla società Ferrotramviaria, si scontrarono sul binario unico nelle campagne tra Andria e Corato. Morirono 23 persone, 50 rimasero ferite.

Lo scorso 19 dicembre il gup del Tribunale di Trani aveva rinviato a giudizio tutti i 18 imputati tra cui la società Ferrotramviaria Spa.

Le cause del disastro ferroviario

Secondo le ricostruzioni, a determinare lo scontro fu probabilmente un errore umano
nel sistema del cosiddetto blocco telefonico, cioè la comunicazione telefonica tra le due stazioni. La procura di Trani ha ritenuto il sistema obsoleto e insicuro, ma sull’incidente pesarono anche altre circostanze. Secondo l’accusa, ci furono una serie di concause e leggerezze organizzative, e la mancata applicazione da parte della società di aggiornati sistemi di sicurezza. In particolare, il segnalamento automatico Scmt (Sistema di controllo marcia treno) che consente di sopperire in tempo ad eventuali errori umani o tecnologici non era aggiornato.

L’alta velocità

Inoltre, il bilancio della tragedia fu aggravato dalla velocità che si raggiungeva in quel tratto. E dal fatto che uno dei due treni al momento dell’impatto era appena uscito da una curva. I due macchinisti si ritrovarono davanti all’improvviso l’altro convoglio e poterono fare ben poco per evitare lo scontro frontale.

I reati contestati

Diversi i reati contestati a vario titolo agli imputati: disastro ferroviario, omicidio colposo e lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e falso. La società Ferrotramviaria, imputata come persona giuridica, dovrà rispondere dell’illecito amministrativo dipendente dai reati commessi da vertici e dirigenti. Nel procedimento nei confronti delle 17 persone fisiche sono parte civile la Regione Puglia, i Comuni di Corato, Andria e Ruvo di Puglia e le associazioni Acu e Anmil, oltre ai parenti delle vittime e ai passeggeri sopravvissuti. Ferrotramviaria e Ministero dei Trasporti invece risultano responsabili civili, cioè tenuti eventualmente a risarcire i danni.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.