Lega propone zone rosse anti-migranti vicino alle scuole: è polemica

Polemica per un'iniziativa della Lega alla guida del comune leccese di Calolziocorte. Secca la replica dell'opposizione

Lega propone zona rossa anti-migranti
Lega propone zona rossa anti-migranti

Polemica per un’iniziativa della Lega alla guida del comune leccese di Calolziocorte. Secca la replica dell’opposizione: “Stabilire che i centri di accoglienza non possano sorgere a meno di 150 metri dai luoghi sensibili come le scuole significa di fatto equiparare i migranti alle slot machine ed etichettarli come minaccia sociale. Quello adottato dall’amministrazione è un provvedimento discriminatorio ed escludente”.

Zone rosse anti-migranti

Il Sindaco Marco Ghezzi ha spiegato che l’istituzione delle zone rosse è in realtà un’iniziativa finalizzata “a favorire l’integrazione”. “La zona critica – continua – è quella della stazione, che è già controllata dalle forze dell’ordine perché soprattutto la sera chi abita nei dintorni deve fare i conti con bivacchi e situazioni di degrado“.

Per il Primo cittadino tenere lontani i centri di accoglienza servirebbe quindi a limitare i danni in un contesto già parecchio problematico. Per quanto riguarda le scuole “Si tratta di una tutela preventiva, per evitare il rischio di spaccio. Qui per fortuna non abbiamo per ora problemi del genere, ma in altre città si sono verificati. Non voglio certo dire che i bambini debbano aver paura dell’uomo nero, tanto più che il centro già esistente a Calolzio è vicino a un oratorio”.

L’attacco delle opposizioni

Le opposizioni però non ci stanno e si scagliano all’attacco. “Il sindaco sostiene che i richiedenti asilo debbano stare lontani dalle scuole per evitare lo spaccio, come se il loro status li portasse automaticamente a essere spacciatori. Di questo passo finiremo a istituire zone rosse per tutti, dai meridionali ai sudamericani e ai cinesi”.

“Il regolamento stabilisce un precedente gravissimo – dichiara il deputato Pd a Repubblica -. Confinando i migranti nelle zone periferiche non se ne favorisce certo l’integrazione, piuttosto la segregazione. E parliamo di famiglie con bambini che devono poter andare a scuola e frequentare i loro coetanei”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.