Virginia Raggi parcheggia l’auto in divieto di sosta, i Vigili: “Non è vero”

Secondo il sito Non è la Radio, la sindaca di Roma Virginia Raggi avrebbe parcheggiato in divieto di sosta per ben due ore mentre visitava una scuola

Virginia Raggi e l'indiscrezione lanciata da l'Espresso
Virginia Raggi e l'indiscrezione lanciata da l'Espresso

Siamo a Roma, in via delle Benedettine 10, davanti alla scuola Steiner Il Giardino dei Cedri. Qui si ferma un’auto, e dall’auto scende nulla meno che la sindaca di Roma Virginia Raggi, che sabato ha voluto visitare la scuola.

La gaffe di Virginia Raggi

Prima cittadina o no, il sito Non è la Radio ha “pizzicato” l’auto di servizio di Virginia Raggi in circostanze che semberebbero non del tutto lecite. Per esempio, secondo il sito che ha pubblicato le foto, l’auto era parcheggiata giusto sotto ad un cartello di divieto di sosta, con tanto di pannello integrativo che segnalava la rimozione forzata. E poi, era davanti ad un cancello con un cartello di passo carrabile in bella vista. O ancora, era accanto al passaggio pedonale che agevola l’ingresso a scuola.

In poche parole, sarebbe l’ennesima gaffe di Virginia Raggi, che l’auto, lì, pare proprio non potesse mettercela. E neppure lasciarcela per più di due ore, fino a quando, terminati i saluti a bimbi e famiglie, non ha inforcato nuovamente la sua Nissan bianca elettrica direzione Campidoglio.

Le reazioni del web

Immediate le reazioni del web, alcune che ironizzavano sul comportamento della sindaca, altre che invece ne prendevano le parti sostenendo che l’auto non si trovava in divieto di sosta. Tanto che Non è la Radio aveva dovuto scrivere un ulteriore post di precisazioni, documentando ogni affermazione con relative fotografie.

Era intervenuto anche il Codacons: “Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, dovrà essere sanzionata per divieto di sosta“. Avevano poi aggiunto che oggi sarebbe stata inviata alla Polizia Municipale una formale diffida in tal senso. “In caso contrario i vigili urbani della capitale verranno denunciati in Procura per omissione di atti d’ufficio” . “Le immagini parlano chiaro: l’auto del sindaco appare parcheggiata proprio sotto un cartello di divieto di fermata, e per di più sarebbe stata lasciata sul marciapiede davanti ad un passo carrabile, impedendo così il passaggio dei pedoni” aveva concluso poi il Codacons.

La replica della Poliza Locale

Ecco però che a scagionare Virginia Raggi arriva un comunicato della Polizia Locale di Roma Capitale. “Con riferimento alle foto apparse su alcuni organi di stampa che ritraggono l’auto di scorta della sindaca in presunto divieto di sosta, occorre precisare che il veicolo, come risulta evidente nelle immagini diffuse, non era in divieto di sosta“, spiegano. Infatti, l’automobile era ferma nell’area “immediatamente successiva al segnale di interdizione alla sosta, integrato dal simbolo che pone fine al divieto stesso“. Per questo, spiega ancora la Polizia, nessuna regola è stata infranta, in considerazione anche del fatto che i mezzi delle persone sottoposte a tutela da parte degli organi di polizia, per motivi di sicurezza devono fermarsi nel luogo più vicino alla persona posta sotto scorta, al fine di consentire una veloce via di fuga in caso di emergenza”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.