Omicidio Stefano Leo: il killer avrebbe dovuto essere in carcere quel giorno

Il Ministero della Giustizia sta indagando sulle circostanze per cui il killer di Stefano Leo, Said Mechaquat, era in libertà il giorno dell'omicidio

stefano leo
Il Ministero della Giustizia sta indagando sulle circostanze per cui il killer di Stefano Leo, Said Mechaquat, era in libertà il giorno dell'omicidio

Omicidio Stefano Leo, il killer Said Mechaquat sarebbe stato libero, secondo quanto riferisce Il Messaggero, a causa di “documenti in ritardo fra tribunali, procure e forze dell’ordine”.

Infatti, il giorno in cui Said ha tagliato la gola a Stefano, a Torino, non sarebbe dovuto essere in libertà. Ora su questa circostanza il Ministero della Giustizia vuole fare chiarezza, e sta dunque studiando la vicenda, e acquisendo informazioni.

Cosa sarebbe dovuto accadere

Pare che nel giugno 2016 Said fosse stato condannato a 1 anno e 6 mesi per maltrattamenti e lesioni aggravate ai danni dell’ex compagna. Il giudice gli aveva negato la sospensione condizionale della pena, a causa di alcuni reati commessi in passato, e per il 27enne sarebbe dovuto scattare l’arresto e la reclusione in carcere. Ma le cose sono andate poi in modo diverso.

Le parole del Presidente della Corte d’Appello di Torino

Partecipo al dolore della famiglia di Stefano Leo, anch’io ho un figlio e se mi fosse accaduta una cosa così sarei mortificato” ha detto il Presidente della Corte d’Appello di Torino Edoardo Barelli Innocenti. Innocenti ha poi spiegato:“La cancelleria ha come input quello di far eseguire le sentenze più gravi, sopra i tre anni, perché al di sotto si ha la possibilità di ottenere l’affidamento in prova. In questo caso i maltrattamenti erano aggravati perché avvenuti in presenza di un minore, nel caso del 27enne la sospensione della pena non c’era e l’ordine di carcerazione doveva essere emesso ma se negli uffici c’è carenza di personale non è solo colpa nostra”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.