Truffa alla Rai, gettoni d’oro mai coniati: 5 dirigenti indagati

Truffa alla Rai, i gettoni d'oro vinti in alcuni programmi televisivi non sono mai stati coniati. I reati ipotizzati sono truffa aggravata e frode nelle pubbliche forniture.

Truffa alla Rai
Truffa alla Rai

Truffa alla Rai, i gettoni d’oro vinti in alcuni programmi televisivi non sono mai stati coniati. La Guardia di Finanza sta provvedendo a notificare l’avviso di conclusione delle indagini preliminari a 5 dirigenti ed ex dirigenti dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.a.. I reati ipotizzati sono truffa aggravata e frode nelle pubbliche forniture.

Non sarebbero mai stati cognati i gettoni d’oro da consegnare ai vincitori di vari programmi a premio. Tra questi ci sono: Red or Black, Uno Mattina, Super Brain, le Super Menti, i Fatti Vostri, Mezzogiorno in Famiglia, l’Anno che Verrà, la Terra dei Cuochi, la Prova del Cuoco, e Affari Tuoi.

Truffa alla Rai

Gli indagati facevano coniare i gettoni d’oro solo nel caso in cui i beneficiari avessero rifiutato la proposta di ricevere il controvalore in denaro. Così non procedevano al conio dei gettoni, avendo l’accuratezza di predisporre falsa documentazione. La frode ha causato l’indebita fatturazione da parte dell’I.P.Z.S. alla R.A.I. delle spese di produzione dei gettoni d’oro mai coniati. Il danno supera così i 700.000 euro.

Le indagini stanno cercando di fare luce fra gli accordi la Rai e la Zecca per la fornitura nel triennio 2013-2016. I finanzieri hanno scoperto che i 5 dirigenti (2 dei quali ancora in servizio) facevano coniare i gettoni solo nel caso in cui i vincitori dei vari programmi avessero rifiutato la proposta di ricevere del denaro.

I questo modo “la banda dei dirigenti” riusciva a guadagnare gli incentivi annui che ammontavano a circa 45mila euro.


Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.