È italiana con mamma ugandese, ma non le affittano la casa: “Qui siamo razzisti e fascisti”

Papà livornese e mamma ugandese, ma non affittano la casa alla ragazza italiana perchè: "qui siamo razzisti e fascisti. Viva l'Italia"

Papà livornese e mamma ugandese, ma non affittano la casa alla ragazza italiana perchè: "qui siamo razzisti e fascisti. Viva l'Italia"

Siamo italiani, razzisti e fascisti se lo vuoi sapere. Viva l’Italia“. Qusto è quello che si è sentita rispondere una ragazza italiana, con mamma ugandese e papà livornese, quando ha contattato il proprietario di una casa che voleva affittare. La ragazza, un medico, è sempre vissuta a Pisa, ma ha raccontato la sua storia al quotidiano Il Tirreno.

Lo scambio di messaggi

Aveva risposto ad un annuncio, in cui era specificato che era riservato solo ad italiani. Ma lei è italiana a tutti gli effetti, ha solo “la pelle un po’ scuretta”. E la giovane lo ha specificato proprio in questi termini, con ironia: “Sono italiana, figlia di genitori italiani, ma sono un po’ scuretta. Potrebbe essere un problema?”. Non è per studenti, grazie”, si è vista rispondere, con grande pertinenza alla domanda, tra l’altro. “Sono un medico, non una studentessa”, fa notare allora lei, e allora le chiedono il curriculum.

“Viva l’Italia!”

La giovane quindi incalza: “Ma pensa che ci possano essere problemi per la questione che ho accennato?”.Scusa eh, ma mi hai preso per una preistorica?” è l’indignata risposta. A quel punto però la dottoressa fa notare che “specificare tra i criteri di selezione la nazionalità su un annuncio comunque è abbastanza lontano dal mio concetto di modernità. Così ecco che la donna contattata dalla dottoressa alla fine non si trattiene e dichiara: “Allora non rompere i coglioni alla gente, perché sì, qua siamo italiani, razzisti e fascisti se lo vuoi sapere. Viva l’Italia”.

La solidarità

Così la giovane pubblica sulla pagina dove ha trovato l’annuncio le immagini della chat della conversazione, e la reazione è positiva, un fiume di solidarietà. Tralasciando qualche commento di chi le chiede:” Come mai metti le mani avanti sulle tue origini? Queste cose alimentano il razzismo”. “Ma non c’entra, figurarsi se metto le mani avanti. Stiamo scherzando?” risponde la ragazza a Il Tirreno.

Il problema del clima attuale

E’ sempre lei che racconta al quotidiano: “Mi ha turbata il rendermi conto che per come stanno andando le cose oggi, nel mio essere italiana al cento per cento, cosa che per me non costituisce un vanto, perché ad esempio apprezzo tante altre culture e origini, nel clima attuale ci saranno sempre più persone che mi vedranno come un qualcosa di diverso dall’essere italiana. Nel mio caso non sono le origini, ma il colore della pelle a fare tutta la differenza”.



Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.