Caso Cucchi, al processo il teste dichiara: “Il registro era sbianchettato”

Il testimone nel processo bis sulla morte di Stefano Cucchi ha dichiarato che il registro delle persone sottoposte a fotosegnalamento era stato sbianchettato

Ilaria Cucchi

Era evidente che il registro delle persone sottoposte a fotosegnalamento della Compagnia di Roma Casilina era stato sbianchettato“. Così ha sostenuto il tenente Carmelo Beringheli, che è stato sentito oggi in aula nel processo bis sulla morte di Stefano Cucchi. Un processo che vede imputati cinque militari dell’Arma, tre dei quali accusati di omicidio preterintenzionale.

La testimonianza di Beringheli

Beringheli, sentito come persona informata sui fatti, ha poi dichiarato: “E al capitano Tiziano Testarmata feci presente che il registro in originale, e non solo la fotocopia, andasse acquisito e consegnato alla magistratura per essere sottoposto ad accertamenti”.

Si è invece avvalso della facoltà di non rispondere Francesco Cavallo, che all’epoca dei fatti era tenente colonnello e capo ufficio del comando del Gruppo Roma. Cavallo è indagato per falso nel filone sul depistaggio.

La perizia del processo contro cinque medici

Intanto i giudici della Corte d’Assise hanno deciso di acquisire la perizia della professoressa Anna Aprile e del dottor Alois Saller nel processo in corso in cui sono a giudizio cinque medici dell’ospedale romano per la morte di Stefano Cucchi. A chiedere l’acquisizione è stato l’avvocato Giosuè Bruno Naso che difende uno degli imputati nel dibattimento.

“Accertare le cause della morte di Stefano Cucchi

Voglio riportare l’attenzione della Corte sull’oggetto effettivo del processo le cause della morte di Stefano Cucchi. Accertare le cause della morte è un presupposto ineludibile per poter efficacemente individuare le eventuali responsabilità degli imputati di questo processo”. La richiesta di acquisizione “è un clamoroso autogol per l’avvocato” ha sottolineato il pm Giovanni Musarò “perché la perizia in questione è incentrata su quella disposta nel primo procedimento che abbiamo dimostrato essere una perizia farlocca e costellata da errori incredibili”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.