Disabile costretto a scendere dal treno: «Ne abbiamo già un altro a bordo»

La disavventura di Edoardo che era salito su un treno con direzione Bovisa. Il controllore ha fatto scendere il 45enne: la denuncia del fratello.

Trenord, la disavventura di un disabile
Trenord, la disavventura di un disabile

Il protagonista di questo spiacevole episodio è Edoardo Lucheschi che era salito a bordo di un treno, diretto a Bovisa, con la sua sedia a rotelle. L’uomo è assistito da una signora che da qualche tempo lo accudisce. Secondo l’intervista, rilasciata dal fratello al “Corriere della Sera”, un controllore ha chiesto di scendere perché sul mezzo vi era già un altro disabile. «Gli ha detto che sul treno c’era già un altro disabile e che non poteva essercene un altro, non avendo mio fratello preavvertito della sua presenza».

L’episodio su Trenord

Controllando il sito di Trenord è chiaramente scritto che i passeggeri, con bisogno di assistenza, devono avvertire con 48 ore di anticipo. Il problema, però, sta a monte. «Il punto è che mio fratello non aveva bisogna di alcuna assistenza né di un sedile particolare. Dove era stato sistemato non avrebbe avuto alcun tipo di problemi. Edoardo non ha neanche potuto ribattere, è sceso dal treno e tornato a casa con le lacrime agli occhi per la rabbia».

«Già è difficile per un disabile conquistare l’idea di poter fare qualcosa quasi come tutti gli altri. Magari si sforza di organizzarsi, di non chiedere aiuto a esterni, di non pesare. E la sua parziale autonomia viene svilita così? Questo piccolo episodio è stato comportamento umiliante e discriminatorio».

La nota della compagnia

L’ufficio stampa di Trenord ha contattato la redazione CiSiamo.info per pubblicare la nota in merito all’episodio accaduto a Edoardo Lucheschi. Ecco le parole della compagnia ferroviaria.

«Siamo profondamente rammaricati per quanto accaduto e ci scusiamo con la persona che ha subito l’allontanamento dal treno. Mentre abbiamo aperto un’indagine interna, abbiamo preso contatto con il nostro cliente per poterlo incontrare presto. Il fatto segnalato non doveva accadere e non rappresenta lo standard del servizio di assistenza che offriamo ogni anno a oltre 21mila persone, per circa 60 viaggi al giorno».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.