Tendopoli San Ferdinando, sull’incendio indaga la Procura

Inchiesta sul rogo della tendopoli di San Ferdinando in cui è morto un migrante, dopo alcune dichiarazioni di altri migranti

Baraccopoli San Ferdinando
Inchiesta sul rogo della tendopoli di San Ferdinando in cui è morto un migrante

Accertamento della Procura sul rogo mortale alla tendopoli calabrese di San Ferdinando. A non funzionare bene, cagionando la morte dell’immigrato senegalese Sylla Noumo, potrebbero essere state delle “ciabatte” elettriche in dotazione al sito. L’uomo sarebbe caduto tramortito da una scossa in pratica, prima di essere attaccato dalle fiamme.

L’incendio

Si ridefiniscono i contorni penali, contorni preliminari e di assoluta verifica, della tragica morte di un immigrato nella tendopoli di San Ferdinando. L’uomo era perito nel rogo di un angolo della tenda che lo ospitava, domato con solerzia dal 115 ma purtroppo non in maniera sufficiente a salvargli la vita. L’incendio era stato immediatamente circoscritto ma le fiamme avevano avuto il tempo di fare il loro orrido lavoro sul corpo dell’uomo.

Le dichiarazioni degli altri immigrati

Gli ospiti della tendopoli avevano rilasciato agli inquirenti dichiarazioni messe a verbale che avevano in un certo senso ridisegnato lo scenario del dramma: non più, o quanto meno non solo, una forma di incuria che aveva scatenato assieme a condizioni di promiscuità le fiamme, ma anche una possibile tara strutturale. Quelle testimonianze parlavano di fili scoperti e ciabatte posizionate vicino alle tende e la Procura di Palmi ha deciso di vederci chiaro, esaminando le dotazioni intere che il Ministero dell’Interno aveva fornito a San Ferdinando. Il Procuratore capo Ottavio Sferlazza ha disposto un sopralluogo, da lui stesso guidato ed ha escluso ogni possibile matrice dolosa del rogo, innescata magari da contrasti fra diverse etnie di immigrati presenti nella tendopoli.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.