Bimbo di 5 anni beve succo di frutta e si ustiona stomaco e polmoni

Bimbo di soli 5 anni in ospedale dopo aver bevuto un succo di frutta in una bar. E' accaduto durante il fine settimana in provincia di Bari.

Bambino beve succo e si sente male
Bambino beve succo e si sente male

Bimbo di soli 5 anni in ospedale dopo aver bevuto un succo di frutta in una bar. E’ accaduto durante il fine settimana in provincia di Bari e allo stato non esistono ancora elementi certi di concausa fra la mescita del locale pubblico ed il ricovero del piccolo, ma il dato storico resta tutto.

Bambino beve succo di frutta e si sente male

Il piccolo ha lesioni molto serie all’esofago ed allo stomaco e, come riporta Puglia Today, è tuttora ricoverato presso il reparto di Chirugia pediatrica dell’ospedale Giovanni XXIII di Bari. Pare che il piccolo, secondo il verbale sottoscritto dai genitori, abbia iniziato ad accusare fortissimi dolori all’addome subito dopo aver bevuto un succo di frutta confezionato acquistato in un bar caffetteria.

Il trasporto in ospedale era stato immediato e urgente, con codificazione iniziale da triage rosso. Non era e non è ancora escluso infatti che il piccolo abbia potuto ingerire una qualche sostanza caustica rimasta nella bottiglia della bevanda perché usata per procedure di sanificazione pre imbottigliamento e per una misteriosa falla di sistema non bonificata del tutto. Ma allo stato si tratta solo di congettura su cui un’indagine avviata dai carabinieri del comando compagnia di Gioia del Colle dovrà far luce. Il bambino è fuori pericolo e attualmente ancora sotto stretta osservazione. Bottiglia e confezione della bevanda sono state poste sotto sequestro.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.