World Congress of Families 2019: Conte toglie il patrocinio della Presidenza del Consiglio

Giuseppe Conte ha dichiarato che la Presidenza del Consiglio non ha mai concesso il patrocinio al World Congress of Families

Giuseppe Conte interviene su quota 100 e reddito di cittadinanza
Giuseppe Conte interviene su quota 100 e reddito di cittadinanza (foto di repertorio)

“All’esito di un’approfondita istruttoria e dopo un’attenta valutazione dei molteplici profili coinvolti, ho comunicato al Ministro Fontana la opportunità che il riferimento alla Presidenza del Consiglio sia eliminato e gli ho rappresentato le ragioni di questa scelta”. E’ il Premier Giuseppe Conte a scriverlo su Facebook, facendo riferimento alle polemiche sorte negli scirsi giorni riguardo al World Congress of Families che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo.

La polemica

Tutto è nato perché il Ministero della Famiglia ha concesso il patrocinio all’evento promosso dall’associazione privata Iof (International Organization for the Family). Ma, avevano spiegato gli organizzatori, poiché non c’era un logo del Ministero della Famiglia, per segnalare il patrocinio era stato usato quello della Presidenza de Consiglio. Cosa che aveva sollevato un polverone di polemiche per le posizioni propugnate dal Congresso, apertamente contro i diritti civili della comunità LGBTQ.

E Conte, proprio in riferimento a questo, ha sottolineato che “il criterio fondamentale che ispira ogni azione di questo governo è il rispetto della persona, della sua dignità individuale e sociale, indipendentemente dall’orientamento sessuale”.

Il patrocinio del Ministero della famiglia

Ha poi ribadito che è stato il Ministro Fontana a concedere il patrocinio di propria iniziativa, senza “il mio personale coinvolgimento né quello collegiale del Governo”. Il Premier fa poi sapere che “rimarrà il patrocinio con esclusivo riferimento al Ministero della Famiglia e ovviamente ciascun esponente del Governo sarà libero di partecipare all’evento, esprimendo le proprie convinzioni sui vari temi che saranno oggetto di discussione”. E il Ministro Fontana stesso ha ribadito che il patrocinio del suo Ministero rimarrà. “Per quanto riguarda il logo e il suo utilizzo, essi fanno capo ad un altro Dipartimento, e quindi la concessione o il ritiro non sono di mia competenza”, ha poi chiarito.

Verrebbe da far notare che il Ministero della Famiglia fa parte del Governo, e pertanto, se conferma il patrocinio, è come se il governo stesso confermasse il patrocinio. Ma tant’è, e la scarsa compattezza di opinioni che sembra regnare nel governo ultimamente non fa che aumentare la confusione.

Il commento di Matteo Salvini

Sul caso interviene anche il Ministro Salvini, che ribadisce: “Certo che andrò a Verona, ci vado a ribadire l’importanza che il governo investa sulle famiglie, sul fatto che si facciano bambini. Ognuno nella sua vita fa quello che vuole, ma io pretendo di sostenere chi fa figli, non vedo cosa toglierei se vado a sostenere questo”.