Tendopoli di San Ferdinando, incendio provoca la morte di un migrante

Incendio alla nuova tendopoli di San Ferdinando, morto un migrante. Forse un cortocircuito nella tenda dove dormiva l'uomo.

Baraccopoli San Ferdinando
Inchiesta sul rogo della tendopoli di San Ferdinando in cui è morto un migrante

Incendio nella notte nella nuova sede della tendopoli di San Ferdinando in Calabria, un migrante è morto in un rogo della tenda in cui dormiva parrebbe a causa di un cortocircuito. Il dramma si è consumato nelle ore della notte appena trascorsa, quando all’improvviso nella tendopoli che dal Comune del Reggino era passata alla gestione della Caritas una tenda a sei posti ha preso fuoco.

L’incendio

Le fiamme sono divampate altissime ma, grazie all’intervento immediato dei Vigili del Fuoco, non hanno attecchito sulle altre strutture provvisorie del centro. Pare che ad innescare il rogo sia stato il cortocircuito provocato da alcuni fili elettrici posizionati in uno degli angoli della tenda (un’altra versione attribuisce l’innesco ad un fornelletto a gas mal funzionante, ma farà fede solo la relazione sui rilievi del 115). A perdere la vita il migrante che occupava la tenda, di cui non sono ancora state rese note le generalità.

I precedenti

La tendopoli di San Ferdinando si trova a poche centinaia di metri dalla vecchia baraccopoli omonima che finita al centro delle cronache nelle scorse settimane per altri incidenti mortali e per un intervento diretto del governo in carica. All’interno di quest’ultima, in altrettanti roghi, erano morti altri tre migranti: Surawa Jahitè, Ba Moussa e Becky Moses.

Lo sgombero

Due settimane fa il Ministro dell’Interno Salvini aveva disposto lo smantellamento della vecchia baraccopoli; troppo fatiscenti le strutture che componevano quella vera e propria “bidonville” in miniatura. Gli 840 migranti erano stati perciò trasferiti nella nuova struttura “a tenda”, una vecchia creazione della Protezione Civile con servizi e sorveglianza attiva. Una struttura in cui però, evidentemente, le condizioni di sicurezza non perfette e la disattenzione hanno finito per chiedere l’ennesimo tributo di sangue.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.