Abusi su bambini: 18 nuove denunce per Jonathan Trupia

Altre 18 denunce per abusi sessuali su bambine dell'asilo Opera nazionale Montessori a carico dell'insegnante 25enne Jonathan Trupia

Abusi ai danni di alcune minorenni: tre persone arrestate
Abusi ai danni di alcune minorenni: tre persone arrestate

La vicenda era saltata fuori a novembre, quando era stato condannato a 8 anni di carcere con rito abbreviato per aver compiuto abusi sessuali su 26 bambine. Ora però, alle 26 denunce se ne aggiungono altre 18 a carico di Jonathan Trupia, il maestro di inglese dell‘asilo dell’Opera Nazionale Montessori. 18 denunce da parte di genitori, che, riferisce Il Messaggero, sono ora al vaglio degli inquirenti. Si sospetta infatti che l’insegnante, in servizio da 5 mesi nell’asilo, possa aver molestato altre bambine.

Le molestie

I piccoli, tutti tra i 3 e i 5 anni, venivano invitati dal maestro a non dire nulla di quei baci sulla bocca, delle carezze, delle mani nelle tasche dei pantaloni. Ma a fermare gli abusi erano state le segnalazioni dei genitori, a seguito di cui erano state messe nell’asilo telecamere nascoste. E’ stato possibile in questo modo scoprire tutto quello che succedeva in classe.

Le responsabilità della scuola

Trupia aveva ammesso le colpe, e aveva chiesto scusa alle 26 bambine e alle loro famiglie. Scuse che non bastano certo a calmare i genitori, che anzi ora hanno chiesto alla scuola di assumersi le proprie responsabilità a fronte della “leggerezza” con cui avrebbero assunto il giovane. Non un insegnate con qualifche specifiche, ma abilitato all’insegnamento delll’inglese da un corso intensiovo di 120 ore sostenuto presso una scuola privata a Pukhet, in Thailandia.

L‘Opera Montessori è parte civile nel processo, e si ritiene danneggiata tanto quanto le famiglie. “Noi non ci fermiamo qui“, dicono però i genitori.
 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.