Luciano Zazzeri morto nella sua abitazione: non si esclude l’ipotesi del suicidio

Lo chef Luciano Zazzeri era molto conosciuto nella comunità bibbonese. La sua cucina, famosa soprattutto per i piatti di pesce, era apprezzata anche dalle personalità del mondo dello spettacolo.

Luciano Zazzeri è morto, forse si è suicidato
Luciano Zazzeri è morto, forse si è suicidato

Luciano Zazzeri è stato trovato morto nel garage dell’abitazione dei suoi genitori. Da quello che è trapelato, non si esclude l’ipotesi del suicidio.
Lo chef Luciano Zazzeri era molto conosciuto nella comunità bibbonese. La sua cucina, famosa soprattutto per i piatti di pesce, era apprezzata anche dalle personalità del mondo dello spettacolo. In 25 anni di carriera ha ospitato nel suo ristorante clienti celebri tra cui Diego Abatantuono, Paolo Bonolis, Beppe Grillo e, addirittura, Mick Jagger.

Ipotesi suicidio  

L’ipotesi del suicidio non si esclude. Anzi, come riporta il tirreno, è molto accreditata. Luciano Zazzeri lascia due figli e un nipote. Il cadavere è stato rinvenuto nel garage della casa dei genitori domenica 17 marzo.

Lo chef si sarebbe ucciso con un fucile da caccia, per motivi ancora poco chiari. L’allarme è stato dato dal padre di Luciano e adesso si sta cercando di ricostruire cosa sia successo.

Le reazioni

Il Sindaco di Bibbona (Livorno) ha commentato subito la scomparsa dello chef. “Una stella che si allontana ma che continuerà a brillare, una persona con il mare dentro e fuori, che non sarà dimenticata. Forte e fiero, altruista e disponibile, Luciano Zazzeri era prima di tutto un amico, dei bibbonesi e dei tanti clienti che il suo ristorante ha attratto nel corso degli anni. Il sapore della vita e la passione per il lavoro erano ben riconoscibili nei suoi piatti. Le parole in questo caso non sono d’aiuto e non sono capaci di spiegare il dolore”.


Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.