Intervista “nel vento” a Hp, Microsoft e Wish: multinazionali o “associazioni”

Questa intervista "nel vento", ha lo scopo di ottenere risposta ai fatti qui esposti e denunciati. Da molti anni uso due stampanti multifunzione HP, con soddisfazione, fino a qualche giorno fa, quando HP attraverso il pc e Win 10, mi blocca e impedisce di stampare.

Intervista nel vento a Hp
Intervista nel vento a Hp

Gentili Signori: Massimo Venturi Presidente ed AD di HP Italia, Silvia Candiani AD di Microsoft Italia e per conoscenza: Carlo Rienzi, Presidente di CODACONS, LIDL Italia.

Questa intervista “nel vento”, ha lo scopo di ottenere risposta ai fatti qui esposti e denunciati. Da molti anni uso due stampanti multifunzione HP, con soddisfazione, fino a qualche giorno fa, quando HP attraverso il pc e Win 10, mi blocca e impedisce di stampare. Attraverso i messaggi sugli schermi del computer e delle stesse macchine risulta chiaro che le due stampanti sono in “ERROR” e che è in avaria il “sistema di inchiostro” che da tempo non usa più le costose cartucce originali HP, ma molto più economiche compatibili (ultime 6 multipack acquistate presso Lidl Italia) tenute come scorta disponibile anche per i mesi a venire. Le confezioni riportano all’esterno chiaramente descritta la compatibilità con la marca, i colori, e il peso delle cartucce: il “carburante” delle macchine, non accessori o parti di ricambio, quelle che comunque il mercato produce e offre anche per ogni tipo di macchina, veicolo o automobile di serie di tutte le marche e case produttrici. E’ l’economia, e la concorrenza, bellezza!

Si può fare?

E’ come se FCA, dopo aver istituzionalizzato la sua nuova card flessibile, acquistasse la proprietà di un brand petrolifero, e obbligasse i clienti di Panda, 500, o Jeep a rifornimenti esclusivi del carburante suo.

O come se una marca di biscotti, o di detersivi, individuati attraverso gli algoritmi identificativi in rete i vari profili dei maggiori e abituali consumatori, imponesse loro il tipo di caffè e di latte in cui inzuppare i frollini o la marca esclusiva di lavatrice nella quale fare il bucato.

O ancora se Huawey, con continue offerte speciali, regali o unilaterali rinnovi di licenza, limitasse la volontà del suo cliente, acquirente di una volta per sempre, di acquistare le memorie SD di Verbatim o di Kodak.

Questa è mafia

Dove finisce la concorrenza inizia il vincolo, il sopruso, il ricatto, la prepotenza, la complicità: è mafia!

L’illegalità e le complicità insite nel comportamento mafioso si combattono con le Leggi dello Stato, con le Forze dell’Ordine, troppo spesso impotenti per inadeguatezza di mezzi o “distratte attenzioni”. E’così che l‘illegale prende il sopravvento. In Internet è ancora più facile introdursi, manipolare, costringere, è difficile il contrasto all’arroganza, alla vera subordinazione che sta impadronendosi delle nostre fragilità, ne siamo e ne saremo sempre più coinvolti, noi.

“Loro”, ingegni digitali avanzati e consapevoli, contro noi poveri mortali analogici, attirati da tecnologie che pensiamo di padroneggiare perché usiamo il computer ed entriamo in rete: mera illusione, battaglia persa!

Gli aggiornamenti tecnologici

Gli “aggiornamenti” tecnologici, continui e costanti, da Voi ben conosciuti e gestiti, sui quali non abbiamo, né possiamo avere alcun potere di intervento e di interposizione, si stanno impadronendo di noi, del nostro tempo, delle nostre giornate, dei nostri desideri, della nostra vita quotidiana, della nostra volontà. Con inaudita arrogante violenza.

Credevamo di avere i “nostri” spazi, la nostra inattaccabile privacy, una individualità sicura e protetta. Le avanzate, invadenti tecnologie, perfezionando al limite quelle onde che Marconi scoprì nell’etere, di cui oggi voi siete autorevoli e profittevoli rappresentanti, ci stanno letteralmente violentando. O no ?

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.