Figlio costretto ad arruolarsi nell’Isis: condannato

L'uomo è stato condannato a quattro anni e due mesi di carcere per aver mandato il figlio a combattere la guerra in Siria.

Trattativa tra Belgio e nazisti con il Vaticano come intermediario
Trattativa tra Belgio e nazisti con il Vaticano come intermediario: l’indiscrezione della BBC (foto repertorio)

Un uomo è stato condannato a quattro anni e due mesi di carcere per aver convinto il figlio 23enne nel partire in Siria. La vicenda risale al 2014 quando Sayed Fayek Shebl Ahmed, ex mujaheddin egiziano e in passato combattente in Bosnia, costrinse il figlio Saged per combattere tra le file di un gruppo legato ad Al Nusra (Hakarat Nour al-Din al-Zenki). L’uomo, residente nel Comasco, è attualmente detenuto nel carcere di Nuoro.

Padre condannato, figlio in guerra

Secondo l’accusa, il 53enne avrebbe finanziato e provveduto all’organizzazione del viaggio del figlio con un compenso mensile di duecento euro. La sentenza è stata emessa dal Gup di Milano Stefania Pepe. Concesse le attenuanti generiche in quanto Sayed avrebbe fornito, tramite il figlio Saged, informazioni relative al rapimento Fabrizio Pozzobon. Quest’ultimo, un idraulico di Castelfranco Veneto, è un ex consigliere comunale della Lega che sarebbe stato successivamente rapito.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.