Terra dei Fuochi, Strasburgo indaga su Governo italiano

Lo Stato italiano sapeva e non ha messo in atto le debite strategie. Sulla Terra dei Fuochi il Governo Italiano è sotto processo da poche ore a Strasburgo.

Terra dei Fuochi
Terra dei Fuochi

Lo Stato italiano sapeva e non ha messo in atto le debite strategie. Sulla Terra dei Fuochi il Governo Italiano è sotto processo da poche ore a Strasburgo per non aver adottato misure tempestive per contrastare un fenomeno che, in Campania, ha ucciso e sta uccidendo centinaia di persone, avvelenate dai rifiuti che farciscono una terra che li brucia o li interra.

Accolto il ricorso

Tutto questo sotto gli occhi di uno Stato che di quell’emergenza ambientale non se ne è occupato come avrebbe dovuto. E’ stato accolto il ricorso cumulativo figlio delle singole istanze di alcuni cittadini e di numerose associazioni che avevano rilevato che si, l’Italia non era stata all’altezza di gestire un’emergenza così grave.

La corte ha deciso di accogliere in via preliminare quei ricorsi il cui noto giurisprudenziale è la consapevolezza assoluta del Governo italiano della gravità della situazione, a cui avrebbe però fatto da contraltare una strategia e dei protocolli operativi di intervento minoritari rispetto a quella coscienza di quanto fosse grave il problema.

Il pericolo andava affrontato

Il pericolo andava affrontato e, con gli strumenti tipici di un governo centrale, inclusi quelli economici censiti in legge di bilancio, ridotto secondo una direttrice che prevedesse il massimo dell’impegno.

Il commento di Medici per l’Ambiente, una delle associazioni che da sempre si batte per la salvaguardia della salute e per i danni cagionati dai roghi tossici in Campania è stato lapidario: “E’ la fine del negazionismo che ha impedito ogni azione di prevenzione virtuosa”, ha detto Gaetano Rivezzi, referente Isde (International Society of Doctors for Environement) su Casertanews.

Si andrà a giudizio preliminare di Camera, secondo le procedure fissate dalla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo di Strasburgo e le cui decisioni gli stati firmatari si sono impegnati a rispettare, entro la fine dell’anno.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.