Rivolta migrati a Ferrara: cos’è successo davvero?

L'investimento di un ragazzo di origine nigeriana da parte di una volante dei carabinieri che lo stava inseguendo ha fatto scaturire la rivolta di un gruppo di stranieri.

Rivolta di immigrati
Rivolta di immigrati

L’investimento di un ragazzo di origine nigeriana da parte di una volante dei carabinieri che lo stava inseguendo ha fatto scaturire la rivolta di un gruppo di stranieri. Bidoni rovesciati, bottiglie spaccate per terra e vetri rotti, questo il bilancio della rivolta che ha richiesto l’intervento delle autorità.

La ricostruzione dei fatti

I disordini sono avvenuti nella tarda serata di ieri, sabato 16 febbraio, in viale Costituzione a Ferrara. A scatenare la protesta è stato l’investimento verso le 20.30 di un nigeriano di 28 anni, inseguito dai carabinieri. E’ stato trasportato in ospedale in condizioni di media gravità. Tuttavia è partito un passaparola errato tra gli altri immigrati, che lo hanno creduto morto, travolto dai carabinieri. Così, 40-50 stranieri hanno così dato il via alla rivolta. Si sono riversati in strada rovesciando cassonetti e urlando. Sono intervenute le forze dell’ordine, ma non ci sarebbe stato contatto tra i due fronti; poi la tensione si è abbassata.

Il commento di Matteo Salvini

“Roba da matti. Grazie alle Forze dell’ ordine. Sarò presto in città per mettere un po’ di cose a posto”, ha commentato il Ministro dell’Interno Matteo Salvini con un post su Facebook.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.