Migrante morto a San Ferdinando: incendio nella baraccopoli

Un migrante è morto all'interno della baraccopoli di San Ferdinando (Reggio Calabria). L'incendio è divampato nella notte.

Incendio nella baraccopoli di San Ferdinando
Un migrante è morto nella provincia di Reggio Calabria

Un incendio è scoppiato nella notte all’interno della baraccopoli di San Ferdinando, nella provincia di Reggio Calabria. Le fiamme una coinvolto una quindicina di baracche: una persona è morta persona. Sono in corso le indagini per comprendere l’esatta dinamica dell’accaduto. Sul posto Carabinieri, Polizia e Vigili del fuoco.

Cosa è accaduto nella baraccopoli di San Ferdinando

Sono in tutto quindici i migranti rimasti senza un tetto. Dopo l’incendio, il Prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, ha inteso convocare una riunione del Comitato Pronvinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. Durante la discussione è stato deciso di trasferire chi possiede regolare permesso di soggiorno nei centri Sprar o Cas della situtati nella provincia di Reggio Calabria.

Tavolo d’incontro per la situazione
migranti

«Durante il vertice il Prefetto ha richiamato l’importanza di attuare politiche attive di integrazione e inclusione nel tessuto socio-economico della Piana di Gioia Tauro – si legge in una nota – attraverso forme di accoglienza diffusa, anche ai sensi dell’art. 40 del Testo unico sull’immigrazione, così come convenuto nelle riunioni che si sono susseguite in Prefettura».

«In quelle occasioni, anche la Regione Calabria ha manifestato la disponibilità a contribuire alla soluzione del problema con strumenti che incentivino le locazioni. Ad esempio la creazione di un apposito Fondo di garanzia – continua la nota – per i proprietari che concedono un immobile in locazione. A questi si aggiunge l’investimento di risorse finanziarie per l’eventuale ristrutturazione di beni confiscati o del patrimonio pubblico».

Salvini annuncia lo sgombero

Il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, si è espresso sulla vicenda della baraccopoli di San Ferdinando. Annunciato lo sgombero della stessa.

«Sgombereremo la baraccopoli di San Ferdinando. L’avevamo promesso e lo faremo, anche perché illegalità e degrado provocano tragedie come quella di poche ore fa (un incendio con una vittima)».

«Per gli extracomunitari di San Ferdinando con protezione internazionale, avevamo messo a disposizione 133 posti nei progetti Sprar. Hanno aderito solo in otto, tutti del Mali – prosegue Salvini -. E anche gli altri immigrati, che pure potevano accedere ai Cara o ai Cas, hanno preferito rimanere nella baraccopoli. Basta abusi e illegalità».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.