Terrorismo, espulso amico di Anis Amri: si era radicalizzato in carcere

Espulso un tunisino di 33 anni, amico dell'attentatore di Berlino Anis Amri. Si era radicalizzato in carcere a Palermo.

Anis Amri
Espulso amico di Anis Amri, radicalizzato in carcere a Palermo

Espulsione firmata per un tunisino di 33 anni, per motivi di sicurezza dello Stato. Questo il motivo che ha spinto il Ministro dell’Interno Matteo Salvini a decretare l’espulsione dell’uomo, che in carcere si era radicalizzato al punto da rifiutare contatti con altre persone all’interno del penitenziario. Era violento, sia verso le guardie sia verso i detenuti.

L’uomo si trovava in carcere per reati comuni, ma era già noto all’intelligence. Il tunisino infatti aveva già scontato un periodo di detenzione a Palermo, e in quell’occasione aveva stretto amicizia con Anis Amri, l’autore dell’attenato di Berlino del dicembre 2016.
Questa è la 14esima espulsione dall’inizio dell’anno. 126 invece le persone espulse in tutti il 2018.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.