Due tonnellate di coca incenerite a Brescia

A finire distrutti dalla centrale di combustione dell'impianto sono stati duemila chilogrammi che, qualche giorno fa, un maxi blitz della Guardia di Finanza aveva sottratto alla disponibilità di 'ndrangheta.

Inceneritore di Brescia
Inceneritore di Brescia

Due tonnellate di cocaina hanno trovato il loro battesimo del fuoco a Brescia, incenerite dal termovalorizzatore cittadino in una operazione di trasporto e distruzione che ha giocoforza riecheggiato le migliori scene di Narcos.

A finire distrutti dalla centrale di combustione dell’impianto sono stati duemila chilogrammi che, qualche giorno fa, un maxi blitz della Guardia di Finanza aveva sottratto alla disponibilità di ‘ndrangheta e sodali in quel di Genova, ovviamente zona porto. La montagna di droga, partita dalle forre della Colombia e dopo uno scalo tecnico spagnolo (il solito, per queste male rotte) era finita nel mirino degli investigatori del Gico, che avevano assestato con il loro raid una mazzata maiuscola ai sodalizi criminali che, dall’italia, avrebbero dovuto incipriare i nasi di mezza Europa.

Stupefacente sostituito con sale

La droga era pronta a tornare in terra iberica e gli inquirenti avevano sostituito lo stupefacente con del sale per una tana clamorosa anche ai basisti catalani del clan. Sotto sequestro erano finiti per l’esattezza 2.103 grammi di cocaina pura all’inverosimile, pronta per il canonico terzo taglio cioè e passibile di quel quarto che avrebbe fatto di quel quantitativo gigante base per introiti da quasi 700 milioni di euro.

Quella montagna di droga, in base alla legge che dà facoltà alle Regioni dotate di impianti di termodistruzione di divenire di fatto “snodi temporanei di polizia giudiziaria” era stata condotta a Brescia su disposizione della magistratura dopo l’acquisizione a fascicolo penale.

La città ha un termovalorizzatore adatto alla bisogna nel quale, dopo un trasporto seguito da 40 uomini e da un elicottero per scoraggiare appetiti di malommi a caccia del bingo della vita, la droga è stata incenerita. Si ha notizia di stormi di cicogne che, sui cieli di Brescia, hanno intonato “Nel Sole” di Al Bano e consegnato pacchi Amazon, invece che bambini.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.