Testata a un tredicenne: denunciato Consigliere comunale leghista

La causa scatenate dell'aggressione è stata il lancio di un petardo sotto casa del consigliere comunale, che però non si è fatto scrupolo ad affrontare il ragazzino, 13 anni, responsabile del fatto.

Il Consigliere comunale leghista di Bellusco
Il Consigliere comunale leghista di Bellusco prede a testate 13enne


Consigliere della Lega finisce nei guai, secondo alcune denunce avrebbe “pestato” dei minorenni dopo aver subito degli scherzi. In particolare, l’uomo avrebbe fracassato il setto nasale ad un 13enne di origine nordafricana, reo di avergli lanciato un petardo sotto casa. La vicenda è tutta da chiarire ma il dato tecnico che nei confronti di un consigliere comunale leghista di Bellusco, in provincia di Monza, sia stata formalizzata una denuncia, c’è tutto.

Urla, schiamazzi e petardi sotto l’abitazione del Consigliere

Vittime presunte e a diverso titolo delle attenzioni da wrestling dell’amministratore locale sarebbero stati tre ragazzini che nei giorni scorsi avrebbero messo in atto tutta una gamma di “raid molesti” nei pressi dell’abitazione del leghista: urla, schiamazzi e il lancio del petardo galeotto che avrebbe innescato la parte più scenografica della vicenda.

L’aggressione al 13enne

Scenografica e, se comprovata, penalmente rilevante. L’uomo infatti, nel reagire a quel botto killer di coronarie, non avrebbe avuto scrupoli a fronteggiare il ragazzino, un 13enne, e a dargli una testata sul naso, spedendolo all’ospedale per una settimana (fonte Il Fatto Quotidiano). Improperi e frasi razziste avrebbero invece accompagnato la reprimenda ai due “complici” del ragazzino.

Le indagini

L’uomo ha negato ogni addebito, sia in merito all’episodio più “muscolare” che agli insulti xenofobi, anzi, contrattacca duro e sostiene di essere stato aggredito lui, con un calcio sferratogli al ginocchio proprio dal minore considerato “vittima” del brutale, quanto ipotetico episodio di aggressione a minore. Al momento non risultano formalizzate denunce aggiuntive minacciate dai genitori degli altri due ragazzini, relative solo all’aggressione verbale (sempre e solo ipotetica, allo stato del fascicolo – ndr). Decisive, a questo punto, diventano le Sit (sommarie informazioni testimoniali) che i carabinieri competenti stanno raccogliendo a verbale in queste ore, con la convocazione dei numerosi testi che avrebbero assistito ai momenti salienti del fatto.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.