Scontro Italia-Francia, bandiera transalpina all’Università di Torino

Il rettore dell’Università di Torino parla della crisi tra Italia e Francia. Issata la bandiera dei transalpini al Rettorato.

Bandiera della Francia a Torino
La scelta del rettore dell’Università di Torino

Il rettore dell’Università di Torino, Gianmaria Ajani, ha deciso di esporre la bandiera della Francia. L’intento è quello di offrire un segnale sulla crisi diplomatica con l’Italia. Il tricolore transalpino è stata issato dal balcone della sede dell’Ateneo.

Balcone con la bandiera della Francia in bella vista

«Mi piacerebbe vedere Torino – dichiara il rettore – con mille bandiere francesi appese alle finestre legando la scelta alla presenza dei docenti dell’Università di Chambery in visita in città».

Vicinanza tra Italia e Francia

«La nostra Università presiede l’unione degli atenei Italiani e francesi e in più ci sono docenti d’oltralpe in visita. La nostra, poi, è una città che storicamente è amica della Francia e ne condivide parte di storia e cultura. La bandiera in rettorato vuole essere anche un simbolo di vicinanza e rinnovato spirito europeo».

La scelta dell’Università di Torino

L’Università, attraverso una nota, spiega i motivi della decisione in merito alla bandiera esposta. «Questo è il simbolo di vicinanza alla Francia dal punto di vista culturale e logistico, oltre che come segno di rinnovato spirito europeo».

Attualmente a Torino è in corso un incontro con i colleghi francesi. L’intento è quello dare vita alla nascita di un progetto universitario a livello europeo. «La collaborazione dell’ateneo con le università transalpine è da tempo consolidata inoltre il capoluogo piemontese è storicamente francofilo».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.