L’Eredità, il campione attuale desta i dubbi del web

Secondo alcuni telespettatori, il giovane campione sarebbe aiutato dalla regia con domande più semplici per non perdere il favore del pubblico.

Diego Fanzaga durante una puntata de L'Eredità
Dubbi sul campione Diego Fanzaga

Si sa che l’invidia è un vizio capitale. E chissà che dietro ai sospetti che da qualche giorno aleggiano sul giovane campione de L’Eredità Diego Fanzaga non si celi solo questa brutta bestia. Vero è che non di rado il giovane riesce a sbancare la “Ghigliottina” della sfida finale, incassando, fino ad ora, un bottino superiore ai 100mila euro se contiamo 50mila euro una sera, 35mila quella successiva e 27500 il 2 febbraio.

Le insinuazioni

E così si scatenano le voci sul web, secondo cui Diego sarebbe in qualche modo aiutato dalla regia, per non far sì che il programma non perda ascolti, vista la grande simpatia dei telespettatori. E Twitter diventa il calderone che raccoglie polemiche e insinuazioni. Molti quelli che sostengono la facilità delle domande fatte a Fanzaga rispetto a quelle fatte ai suoi avversari. In molti hanno notato che i quesiti posti al campione sono molto più semplici rispetto a quelli posti agli altri concorrenti. Tvzap riporta un esempio: “Come si chiama il segmento che unisce due punti di una circonferenza e passante per il centro” è stata la domanda per il campione, mentre agli sfidanti è stato chiesto il nome della prima vertebra cervicale.

Non ultima, le ipotesi di auricolari nascoste nei dilatatori che Diego porta alle orecchie.

I precedenti

Quello di Diego Fanzaga non è però il solo caso che abbia destato sospetti nel pubblico. Le puntate del 24 e 25 dicembre avevano avuto come campionessa Viviana Filomena, che secondo il pubblico aveva vinto grazie a domande troppo semplici.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.