Bambino abbandonato a Carmagnola: “La mamma non mi vuole più”

Vagava sulla strada provinciale 128 il bambino di otto anni che è stato recuperato dagli agenti della Polizia. Il piccolo ha raccontato di essere in cerca dei parenti perché la madre, che vive con il nuovo compagno, non lo vuole più.

Polizia municipale
Agli arresti domiciliari la 31enne che ha avuto un figlio dall'alunno 14enne a cui faceva ripetizioni di inglese

Vagava da solo il bambino di otto anni che è stato trovato dalla Polizia lungo la strada provinciale 128. “La mamma non mi vuole più, mi ha cacciato di casa”, ha spiegato il piccolo, che nel freddo di febbraio era per strada senza nemmeno una giacca. Sembrava lo sfogo di un bambino, ma in realtà nascondeva una reale storia di abbandono.

Siamo a Carmagnola, nel torinese. Il bambino, di origine bosniaca, ha spieagato agli agenti che la madre “non mi vuole più, ora vive con un altro uomo”. Ha dichiarato di essere in giro a cercare i parenti.

La situazione familiare

La madre è stata rintracciata a Chieri, in un campo nomadi, e ha rifiutato di riprendere con sé il bambino, spiegando di non volerlo più nella roulotte dove ora vive con il nuovo compagno. Per questo il piccolo da tempo vive con i nonni. Il padre invece, è irreperibile, anche se potrebbe trovarsi in Campania. Sia per la madre che per il padre è scattata comunque la denuncia per abbandono di minore, mentre il bimbo si trova ora in una comunità. Per entrambi è scattata la denuncia per abbandono di minore mentre il piccolo è stato accompagnato in una comunità protetta dove ora è accudito.

Ma le indagini sono ancora in corso per stabilire come il bambino sia potuto scappare e ritrovarsi a Carmagnola, e se effettivamente ci siano dei parenti nella zona.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.