Crollo Ponte Morandi: altre dieci persone indagate

Grazie ad alcune perquisizioni eseguite questa mattina dalla Guardia di Finanza nelle sedi di Autotrade, Spea e negli uffici dell'Ufficio Tecnico Sicurezza Autostrade, sono state indagate altre dieci persone nell'ambito dell'indagine sul crollo del Ponte Morandi.

Ponte Morandi dopo il crollo
Crollo del Ponte Morandi, altre dieci persone indagate

Nuovo capitolo nella vicenda del Ponte Morandi, crollato lo scorso 14 agosto 2018 a Genova. Secondo gli inquirenti, ci sarebbero altre dieci persone iscritte nel registro degli indagati. Sarebbero tecnici e dirigenti di Aspi e Spea. L’accusa è di falso in procedimento connesso ai controlli sugli altri cinque viadotti di cui sono state riscontrate le criticità. Tra questi, il Paolillo in Puglia e il Pecetti e Sei Luci a Genova.

Le nuove acquisizioni in merito alla tragedia del Ponte Morandi sarebbero il risultato di alcune perquisizioni della Guardia di Finanza, eseguite questa mattina dai militari del primo gruppo delle fiamme gialle, agli ordini del Colonnello Ivan Bixio. Gli agenti hanno acquisito documentazione nelle sedi di Autotrade, Spea e negli uffici dell’Ufficio Tecnico Sicurezza Autostrade a Genova, Milano, Bologna, Firenze e Bari. Il nuovo blitz, il secondo in pochi giorni, riguarda altri 5 ponti e viadotti che sarebbero in condizioni di rischio. Intanto, lo slittamento della traduzione della perizia in tedesco degli esperti nominati dal giudice di Genova potrebbe influire sui tempi della demolizione del moncone est e sulla data dell’incidente probatorio, fissato per l’8 febbraio.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.