Arbitro insulta calciatore: «Stai zitto, negro». Il Presidente ritira la squadra

Un episodio di razzismo è stato denunciato dal Presidente del Serino Calcio, una formazione che milita nel torneo di Promozione in Campania.

Serino Calcio
Serino Calcio (foto profilo Facebook)

Il Presidente della società calcistica del Serino Calcio 1928, Donato Trotta, ha ritirato la propria squadra da un incontro, valevole per il Campionato di Promozione. La motivazione riguarda un episodio di razzismo capitato a un tesserato.

Cosa è accaduto?

Il direttore di gara, in questo caso, avrebbe rivolto degli insulti razzisti a un giocatore di colore durante la gara con il Real Sarno.
«I miei ragazzi vanno rispettati, basta con questo sistema malato del calcio». Ecco le parole del numero uno del club rilasciate ai microfoni dell’AdnKronos. «L’arbitro ha detto a un mio calciatore testuali parole: stai zitto, negro».

Il Presidente e le affermazioni dell’arbitro

«Lo scorso anno dagli spalti sono arrivati insulti sempre a sfondo razziale nei confronti dei ragazzi in campo – ha detto il presidente – ma oggi sentire che gli stessi insulti arrivano da un giudice sportivo è davvero intollerabile. Ed è per questo che chiedo l’intervento delle Autorità preposte per prendere provvedimenti».

Possibile ritiro del Serino

«Faremo una denuncia formale alla Procura federale campana e poi decideremo se ritirare la squadra dal Campionato. Ci sembra l’unica strada da percorrere. Anche perché il giovane portiere non vuole più giocare a calcio. Dopo i tantissimi insulti ricevuti ha deciso di non scendere più in campo. Inoltre, l’arbitro sabato scorso ha squalificato altri 5 giocatori, dunque io non ho più una squadra».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.