Immigrato va al funerale della madre grazie a una colletta dei Carabinieri

Una veloce colletta dei Carabinieri gli ha permesso di essere presente al funerale in tempo e in maniera decorosa.

Nigeriano preso a bastonate
Nigeriano preso a bastonate

Disperato perché senza soldi per andare a Napoli a dare l’ultimo saluto a sua madre, trova l’aiuto dell’Arma. Una veloce colletta dei Carabinieri gli ha permesso di essere presente al funerale in tempo e in maniera decorosa. E’ accaduto a Matera, dove un immigrato tunisino si è visto porgere un determinante aiuto in extremis dagli uomini della Benemerita locale.

Il bene che vince

Poco da fare, quando certe cose accadono si perde il gusto di ogni tara etica: son cose che piacciono e basta, così, a pelle. Piacciono per i protagonisti, per come potevano finire e per come invece finiscono davvero, con i buoni in rilevo, il bene che vince e la bontà che dà scacco matto a tutto il concertato, come lo chiamava Giovannino Guareschi.

L’uomo in questione, un giovane migrante tunisino con regolare permesso di soggiorno che vive a Bernalda, vicino Matera, aveva ricevuto per telefono una ferale notizia: la sorella lo aveva informato che sua madre era morta in quel di Napoli, dove il resto della famiglia di origine del giovane viveva. Le notizie sono così: più sono stronze, più ti colgono impreparato quando ti piombano addosso a squassarti la vita.

La colletta dei militari

Il giovane aveva scoperto di non avere neanche i soldi per un caffè e, come tutti quelli che sono lontani da casa, lontani tanto, di non avere nessuno a cui chiederli, neanche ad invocare la drammaticità del momento. In caserma a Bernalda, dai Carabinieri locali, il tunisino ci era perciò andato con la disperazione di chi non sa più cosa fare e tiene attaccato il raziocinio al solo filino esile della speranza nelle istituzioni. E piaccia o no, anche oggi e probabilmente sempre, in Italia se dici ad un cittadino comune istituzioni dici Arma.

I militari avevano effettuato tutte le verifiche del caso, chiamando il comando compagnia di Napoli, ed avevano deciso a razzo per la sola cosa da fare: metter mano al portafogli di ognuno di loro, dal maresciallo all’ultimo scelto e spedire il giovane su un pullman a dare l’ultimo saluto a sua madre, con un po’ di “argent de poche” per il soggiorno e per il ritorno a casa. Poco da fare, certe cose ci piace raccontarle proprio un bel po’ di più. E comunque la si pensi leggerle dà alla giornata un calore che merla, burian e cieli grigi di gennaio scansatevi.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.