Tragedia Rigopiano, due anni fa la slavina che provocò 29 vittime

Il 18 gennaio 2017 la tragedia dell'hotel Rigopiano provocò la morte di 29 persone. Oggi è il secondo anniversario della valanga che travolse il resort a 1200 metri d'altezza.

Tragedia di Rigopiano
La valanga travolse l'hotel provocando 29 vittime

Il 18 gennaio di due anni fa una valanga travolse l’hotel Rigopiano di Farindola. La tragedia costò la vita a ventinove persone. Furono undici i superstiti che riuscirono a sopravvivere in condizioni limite rimasti intrappolati, per ore, tra le macerie della struttura sommersa dalla slavina. Nella mattinata del 18 gennaio 2017 si verificarono tre scosse di terremoto con una magnitudo piuttosto alta.

Cosa accadde a Rigopiano

All’interno della struttura erano presenti quaranta persone di cui dodici dipendenti della struttura e ventotto ospiti. La fitta nevicata dei giorni scorsi bloccò la strada che collegava il rifugio con il fondovalle. Nonostante i ripetuti appelli non si riuscì a trovare una turbina in grado di spazzare la neve liberando, di fatto, il percorso stradale. Un blocco di neve, staccatosi dalla montagna, scese proprio sul resort spostando la struttura di circa dieci metri verso la valle intorno alle 17.

Soccorsi giunti dopo diverse ore

L’allarme venne dato quasi in diretta dal cuoco Giampiero Prete che era all’esterno della struttura e che riuscì a mettersi in contatto con il proprio datore di lavoro. La famiglia dello chef riuscì a mettersi in salvo. Quintino Marcella, il proprietario, chiamò i soccorsi che, non credendo da subito alla notizia, inviarono la colonna degli aiuti dopo oltre due ore. A causa delle difficili condizioni meteo si impiegò altro tempo per giungere a destinazione. I primi sopravvissuti furono trovati dopo trenta ore: l’ultimo uscì a 62 ore dalla tragedia.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.