Donna rifiuta sesso a tre, uccisa con 30 coltellate dal fidanzato

Ian Kettlewell, un uomo di trent'anni, ha pugnalato la fidanzata Kelly Franklin, un anno più giovane di lui, con cui stava insieme da quando erano adolescenti. I due avevano anche tre bambini.

Uccisa con 30 coltellate perché si era rifiutata di fare sesso a tre
Uccisa con 30 coltellate perché si era rifiutata di fare sesso a tre

Una donna si è rifiutata di fare sesso a tre. Il fidanzato l’ha uccisa con 30 coltellateIan Kettlewell, un uomo di trent’anni, ha pugnalato la fidanzata Kelly Franklin, un anno più giovane di lui, con cui stava insieme da quando erano adolescenti. Un rapporto che, come ogni rapporto, aveva alti e bassi, e che è finito nel peggiore dei modi: lui l’ha massacrata perché le aveva chiesto di fare sesso a tre con un’altra donna, e Kelly aveva detto di no.

“Era ossessionato dal sesso – ha detto il procuratore Jamie Hill. “Ha cercato di convincere Kelly a farsi coinvolgere in attività sessuali con lui e con altre donne. Ma lei ha sempre detto di no”. Ian e Kelly stavano insieme da 12 anni, e avevano avuto assieme anche tre figli (che hanno tra i 2 e i 10 anni). I servizi sociali erano già stati in passato coinvolti per la loro situazione e i bambini erano stati allontanati dal papà, che in un’occasione li aveva messi in pericolo giocando pericolosamente con un fucile ad aria compressa.

Qualche tempo fa l’uomo aveva iniziato una relazione con una donna più anziana di lui, la 48enne Julie, una vecchia amica e vicina di casa. Ma l’ossessione per Kelly era rimasta, tanto da mandarle decine di messaggi di minacce e insulti dal profilo Facebook della stessa Julie. Poi è arrivato fino in fonfo, con l’aggressione choc con cui ha ucciso la ragazza.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.