Auto in parcheggio disabili, malata di Fibrosi Cistica rimproverata dal medico

Il marito ha deciso di segnalare alla direzione sanitaria e Ordine dei medici la dottoressa del Ca' Foncello di Treviso responsabile degli insulti che la moglie ha ricevuto.

Auto in parcheggio disabili, dottoressa rimprovera malata
Auto in parcheggio disabili, dottoressa rimprovera malata

Un caso che ha dell’assurdo, quello che ha visto come protagonista una malata di Fibrosi Cistica. Aveva posteggiato la sua auto, giustamente, in un parcheggio riservato ai disabili. Un medico l’ha vista e ha deciso di rimproverarla per il suo, legittimo, gesto. Per il medico, quei parcheggi sono riservati solo “alle persone in carrozzina”. Il marito della donna: “Ci ha umiliato difronte a tutti”.

Il marito ha quindi deciso di segnalare alla direzione sanitaria e Ordine dei medici la dottoressa del Ca’ Foncello di Treviso responsabile degli insulti che la moglie ha ricevuto. Poi ha scritto una lettera“Buongiorno, vi scrivo per segnalarvi che ieri (martedì ndr) è successo un fatto umiliante e increscioso nei parcheggi dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. Mia moglie, affetta dalla nascita da Fibrosi Cistica, malattia genetica e degenerativa, si è recata per una visita al reparto Fibrosi Cistica dell’ospedale. Ha parcheggiato l’auto negli spazi riservati agli invalidi; lei è invalida civile al 100% data la patologia e dispone dell’apposito tagliando per i parcheggi invalidi.

Una dottoressa che lavora in ospedale (abbiamo nome e cognome) l’ha ripresa in parcheggio umiliandola di fronte ad altra gente, dandole dell’incivile, perché a detta sua quei posti sono riservati a gente in carrozzina. Poco importa se mia moglie è affetta da una patologia che dall’esterno poco si vede ma che le da un’aspettativa di vita media di 40 anni e che i suoi polmoni non funzionano. Un’invalidità che non si vede, rende invalidi due volte di fronte a certa gente.

La cosa grave è che sia stato un dottore ad esternare certe cose. Quello che faremo ora è fare una segnalazione alla direzione sanitaria, in copia all’ordine dei medici e informando anche Voi. Nella speranza che possiate dare voce a tale fatto, che rappresenta solo uno dei tanti episodi (a detta del personale del reparto non è la prima volta che succede), vogliate gradire i miei più cordiali saluti”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.