Medico arrestato a Modica: Carmelo Aprile si faceva pagare per bypassare le liste d’attesa

I pazienti che volevano bypassare le liste d'attesa potevano scegliere di pagare il medico che avrebbe così svolto gli esame diagnistici con rapidità. Si parla di 30 illeciti.

Carmelo Aprile
Medico arrestato a Modica, si faceva pagare per bypassare le liste d'attesa.

Svolgeva esami diagnostici a pagamento bypassando le liste d’attesa e, per pazienti amici, metteva a disposizione personale e attrezzature della struttura sanitaria pubblica, senza chiedere in cambio alcun corrispettivo. Con le accuse di truffa pluriaggravata ai danni dello Stato e abuso d’ufficio, in manette è finito, Carmelo Aprile, dirigente medico dell’Ospedale Maggiore di Modica, nel ragusano, e noto specialista di gastroenterologia.

L‘indagine, condotta dalla Compagnia dei Carabinieri di Modica, coordinata dal Capitano Francesco Ferrante, è partita dalla denuncia di un privato cittadino finito nella trappola di questo sistema perverso che permetteva a chi pagava di saltare le lunghe liste di attesa.

L’indagine

In soli due mesi i militari hanno appurato almeno 30 casi illeciti. I pazienti si vedevano costretti a versare anche 150 euro per un esame diagnostico a fronte di un ticket di minore importo, che avrebbe assicurato anche alle casse dell’Ospedale il corretto corrispettivo per l’uso dei mezzi. Il medico Carmelo Aprile, già con procedimenti in corso per condotte simili, è stato tratto in arresto questa mattina e, dopo le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Il suo arresto è stato illustrato stamani in conferenza stampa tenuta presso il Comando provinciale dell’Arma,  alla presenza del Procuratore della Repubblica di Ragusa Fabio D’Anna.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.