Maria Luigia Redoli morta, la “Circe della Versilia” aveva 80 anni

Maria Luigia Redoli aveva scontato 24 anni di carcere perché, insieme al suo amante, Carlo Cappelletti, ex carabiniere a cavallo che all'epoca aveva solo 23 anni, aveva ucciso il marito Luciano Iacopi.

Maira Luigia Redoli
Maira Luigia Redoli

Maira Luigia Redoli è morta ieri, lunedì 14 gennaio, nel reparto di nefrologia dell’ospedale San Donato di Arezzo. Era ricoverata da una decina di giorni. Maria Luigia Redoli, 80 anni, era conosciuta ai più come la ‘Circe della Versilia‘. Da tempo era sottoposta a dialisi e negli ultimi tempi più volte aveva avuto problemi cardiaci che avevano richiesto il ricovero ospedaliero.

Maria Luigia Redoli aveva scontato 24 anni di carcere perché, insieme al suo amante, Carlo Cappelletti, ex carabiniere a cavallo che all’epoca aveva solo 23 anni, aveva ucciso il marito Luciano Iacopi. L’omicidio era avvenuto nel garage di casa. 17 le coltellate inflitte al marito la sera del 17 luglio 1989 a Forte dei Marmi (Lucca), nella Versilia. Entrambi vennero condannati all’ergastolo.

Maria Luigia Redoli si è sempre detta innocente. La donna fu scarcerata il 31 marzo 2015. Prima, in regime di semilibertà, aveva svolto anche servizio di volontariato fuori dal carcere di Opera, a Milano, dove ha scontato la pena. Recentemente si era trasferita ad Arezzo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.